assistenza domiciliare anziani

Le case di cura soffrono di carenza di personale

Negli Stati Uniti COVID-19 ha ucciso decine di residenti nelle case di cura del New Hampshire e avviato una corsa per trovare e mantenere sul posto di lavoro gli operatori sanitari e gli altri dipendenti per assistenza domiciliare anziani da cui dipendono queste persone anziane, disabili e vulnerabili.

Il nuovo coronavirus si è dimostrato un killer crudele ma selettivo. Nel New Hampshire, circa il 95% delle vittime ha almeno 60 anni e tre su cinque avevano più di 80 anni, secondo il dipartimento per la salute e i servizi umani del New Hampshire.

La malattia è stata particolarmente letale per gli anziani che vivono, mangiano e socializzano insieme nelle case di cura e nelle comunità di vita assistite.

Infatti si è deciso di investire, per questa fase 2, in servizi di assistenza domiciliare anziani.

"Quasi l'80% delle persone che sono morte per COVID nel New Hampshire sono associate a strutture di assistenza a lungo termine", ha detto l'epidemiologo di stato Benjamin Chan. 

Mentre i decessi dei pazienti fanno notizia, l'infrastruttura di assistenza a lungo termine dello stato richiede l'assunzione e il mantenimento dei lavoratori. "La questione del personale è al momento esistenziale", ha affermato Brendan Williams, amministratore delegato della New Hampshire Health Care Association, un gruppo commerciale per case di cura.

Mentre la pandemia incombeva, le 73 case di cura dello stato avevano 6.400 pazienti che venivano curati da 4.500 infermieri, operatori sanitari e altri dipendenti, secondo i dati compilati dai Centri federali per i servizi Medicare e Medicaid per il quarto trimestre del 2019.

Con l'avvicinarsi dell'anno e l'avvicinarsi di COVID, secondo la NHHCA, circa 950 posti di lavoro di badante entry-level sono rimasti vuoti.

Nel frattempo, la maggior parte dei decessi dei residenti nelle case di cura nel New Hampshire è avvenuta in strutture in cui i livelli di personale erano al di sotto della media, secondo un'analisi dei dati e delle valutazioni compilate dalle autorità del New Hampshire e dal CMS.

Aurora Senior Living di Derry, una casa di cura con 62 posti letto dove un focolaio COVID-19 ha provocato finora nove morti, ha avuto il minor numero di infermieri e assistenti di infermiere per residente di qualsiasi casa del New Hampshire - 32 per 100. Il 33% inferiore alla media statale di 48. Aurora, che ha cambiato proprietario ad ottobre ed è ora autorizzata come Derry Center for Rehabilitation and Healthcare, ha anche il quarto tasso di personale complessivo più basso: 52 per 100 residenti, o il 38% inferiore alla media statale di 84.

Anche prima di COVID-19, c'erano segnali di avvertimento riguardo alle cure presso la struttura di Derry. Dopo un'ispezione di febbraio, il sito Web Medicare Nursing Home Compare di CMS ha valutato la struttura "molto al di sotto della media", il suo punteggio più basso, in termini di personale, condizioni di salute, misure di qualità e in generale. Il rapporto di ispezione di febbraio ha citato nove carenze sanitarie tra cui un caso di uso improprio dei dispositivi di protezione individuale durante la cura di un paziente con una pericolosa infezione da stafilococco.

Dan Estee, amministratore del Derry Center, non ha risposto a un messaggio telefonico in cerca di commenti.

La situazione dell'assistenza domiciliare anziani al Pleasent Valley 

Le cose sembravano leggermente migliori in un'altra struttura di Derry, il Pleasant Valley Nursing Center. Mentre Pleasant Valley ha avuto bassi rapporti di personale - il terzo peggiore in termini di rapporto tra dipendenti e pazienti e nel quartile inferiore per l'assistenza infermieristica - CMS lo ha valutato "medio" per il personale e "sotto la media" in generale. Un'ispezione sanitaria di febbraio ha rilevato solo quattro carenze minori. Eppure 21 pazienti sono morti a Pleasant Valley.

Catherine Ortega, l'amministratore della Pleasant Valley, ha indirizzato una richiesta di commento al proprietario della struttura. Secondo CMS, la struttura è di proprietà di una società di Atlanta che, secondo i registri del New Hampshire, è stata costituita nel 2013 da Wynn Sims e Amy Maxwell. I Sim non hanno risposto a un messaggio telefonico in cerca di commenti.

Migliori statistiche sul personale non hanno presagito risultati migliori presso il centro sanitario di Hannover Hill a Manchester. COVID-19 ha reclamato 25 vittime a Hanover Hill, il più presso qualsiasi struttura statale del Granito, anche se Hanover Hill aveva rapporti infermieri-pazienti (52 per 100 residenti) e dipendenti (68 per 100 residenti) attorno alle medie statali, nonché una valutazione complessiva molto superiore alla media da parte di CMS.

L'amministratore di Hanover Hill Lori McIntire non ha risposto a un messaggio telefonico in cerca di commenti.